Recensioni

“Strokes” Stefano Pitino

5 gennaio 2011

Ciao a tutti amici!

Le giornate sono tornate uggiose e per me è l’atmosfera ideale per la lettura: il calduccio,la propria casa e magari sprofondati nella propria poltrona preferita con accanto una tisana calda.

Ma non divaghiamo!

Oggi vi presento questo libro di Stefano Pitino che ringrazio subito per avermi donato questa lettura particolare.

Sull’autore vi lascio degli indirizzi in cui è possibile vedere il booktrailer e le notizie autobiografiche.

http://stefanopitino.webs.com/

pagina facebook: http://www.facebook.com/strokes.distefanopitino?ref=ts

booktrailer: http://www.youtube.com/watch?v=KMbBIGjM-q4

E ora la trama:

Dodici persone vengono sbalzate in un’altra dimensione e si risvegliano un una stanza totalmente bianca e vuota.Le stanze sono tre,collegate da un corridoio.

Ogni persona ha una propria personalità.Alcuni sono amici,mentre gli altri sono sconosciuti.

Non sanno perchè sono lì,fino a quando non appare un inquietante orologio che rappresenta la personificazione della morte.

Afferma che ad ogni ora che scoccherà uno di loro morirà.Ma c’è solo un modo per fermare questa furia malefica: esiste una chiave, l’unica possibiltà per bloccare il meccanismo dell’orologio.

L’orologio si porterà via effettivamente una persona alla volta,dopo che ognuno ha espresso un accorato appello.

Qualcuno troverà la chiave?

Questo libro è particolare perchè è scritto sotto forma di opera teatrale,quindi abbiamo il nome del personaggio,i due punti e il dialogo.

Botta e risposta.

Mi è piaciuto molto l’espediente dell’orologio.

Ho pensato un po’ ad un altro libro che ho letto: “il signore delle mosche” perchè anche qui il focus è concentrato sulle dinamiche di gruppo.Vengono fuori soprattutto i difetti e lo spirito di conservazione.Questo salta ai nostri occhi proprio grazie all’ambientazione così minimalista.

Il finale è davvero struggente,ma non necessariamente per la sua tragicità,ma per la potenza del significato.La chiave che contrasta la Morte,c’è ed è la soluzione più coraggiosa e onesta che si potesse trovare.

I miei personaggi preferiti sono senza ombra di dubbio Stefan e Virgy.Loro danno molto spessore alla storia grazie alla loro personalità complicata e fiaccata spesso dalle esperienze di vita.

Questo libro mi è piaciuto,soprattutto nella seconda metà,per questo ve lo consiglio.

Un abbraccio

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com