Recensioni

Proximis- Oltre il colore di Micol Manzo – Recensione

30 novembre 2015
Editore: Narcissus Self Publishing
Pagine: 251
Prezzo: 0,99 (ebook)
Cartaceo: 11,28 (Amazon)

Salve, miei cari lettori!

Torno con una nuova recensione, di una autrice emergente (nell’ultimo periodo ho ricevuto molti ebook da giovani autori!)
Si tratta di un romanzo fantasy, o meglio paranormale, direi.
Trama:

Mirash D’Amati è una ragazza come tante altre, con la passione per l’arte e il giornalismo. Conduce un’esistenza ordinaria, tra l’università e il giornale presso cui lavora; almeno fin quando non rischia di essere investita da un’automobile, vicino alla stazione ferroviaria di Anzio. Da quel momento in poi il soprannaturale entra prepotentemente nella sua vita. Attorno a lei cominciano a verificarsi strani fenomeni. Riesce a vedere lo spirito di un bambino, un’entità sconvolgente che sembra voglia richiamare la sua attenzione. Nel frattempo, suo zio Lorenzo, operatore della Squadra mobile della Polizia di Roma, si trova a fare i conti con la scomparsa di un giovane in Villa Doria Pamphilj, antico parco del capoluogo. Misteriosi eventi conducono Mirash ai Proximis, un’organizzazione mondiale preposta al mantenimento dell’equilibrio tra la sfera visibile e quella invisibile. Qui conosce Morgana, a capo della sezione italiana dei Proximis, Anastasia, Ludovic e Kageshi, affascinante ed enigmatico ragazzo dal volto sfregiato, che col suo carattere irritante, le rende la vita ancor più difficile. Ma la soglia tra spiriti e viventi è sempre più sottile. Mirash è costretta a rimettere in discussione tutto ciò in cui ha sempre creduto; a prendere in mano la situazione, lottando contro un pericolo letale che rischia di stravolgere la sua vita e quella degli altri.



Proximis è il primo volume di una trilogia tutta italiana. Le vicende infatti si dislocano tra Anzio, Roma e Nettuno, sostanzialmente, grandi e piccole città fortemente caratterizzate e ben descritte dall’autrice.
Non conosco Micol Manzo ma credo che molto di quanto scritto in questo romanzo, abbia il sapore del suo personale vissuto. Ci ha messo del suo, praticamente. Questo rende la narrazione maggiormente partecipativa.
Nello stile però ci sono delle piccole pecche. Esso infatti è un po’ altalenante: ci sono dei passaggi che andrebbero limati e perfezionati, come se ogni tanto ci fossero degli intoppi e/o dei vuoti narrativi, altri invece sono ricchi di particolari ben congegnati.
Bene, tolto il dente rispetto a ciò che non mi ha molto convinta (dover dire questo, sappiate, mi costa sempre tanto), adesso posso passare solo alle cose belle.
L’organizzazione dei Proximis è davvero interessante. I personaggi che ne fanno parte sono tutti particolari e con una loro forte personalità. Sono sicura che nei prossimi volumi l’autrice si dedicherà in maniera approfondita a loro che hanno svolto un ruolo di contorno e volto alla “formazione” di Mirash, potenziale ed inesperta Proximis.
Kageshi ha dato dei colpetti di accelerazione al mio cuoricino, nelle giuste dosi e in maniera passionale ma anche delicata.
L’epilogo della scomparsa del bambino, di cui si parla nella trama, ha una sua forte componente horror, oserei dire. Non avrei immaginato una soluzione simile all’enigma e questo è indice di una buona costruzione dei passaggi che hanno portato poi al finale.
Non ci resta che aspettare i prossimi volumi ed incitare la nostra autrice a scrivere il seguito prestissimo!
Buone lettureeeeeeee

You Might Also Like

1 Comment

  • Reply Segnalazione libri e altre cose - BooksPassion 17 giugno 2016 at 18:28

    […] Proximis- Oltre il colore di Micol Manzo – Recensione […]

  • Leave a Reply

    Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com