Recensioni

C’è chi dice di volerti bene di Sara Gazzini

9 gennaio 2018

Buona sera cari lettori,

prima di tuffarmi in qualche lettura o serie tv (ho tanto da recuperare su entrambi i fronti) ho pensato di parlarvi di questo libro che avevo iniziato a sfogliare in libreria e di cui ho trovato un offerta in formato ebook.

 

HaperCollins ottobre 2017, 234 pagine, cop. rigida, euro 16,90.

Trama:

È scesa la sera su un giovedì di ottobre qualunque. In un seminterrato di Firenze si sente il rumore dei passi di otto paia di gambe femminili. Non sono lì per caso. Sono le “Innamorate Anonime”. Dipendenti da una spunta blu di Whatsapp, da un like di Facebook, da quella maledetta suoneria di un cellulare sempre muto. Ognuna di loro soffre per un amore sbagliato, mancato, rimpianto, mai vissuto. Ognuna di loro ha bisogno di guarire dal mal d’amore. Chi non ha mai desiderato qualcuno che avesse tutte le risposte giuste alle domande su una relazione amorosa? Che sapesse leggere tra le righe di una battuta ammiccante, come farsi desiderare, rispondere a tono a un messaggio ambiguo. Che sapesse quando è giusto crederci. E quando invece è meglio scappare a gambe levate senza voltarsi indietro. Caterina, Sveva, Giulia, Bianca e le altre quel qualcuno l’hanno trovato. È la massima esperta nel settore. Una laurea in psicologia, un master negli Stati Uniti, una sfilza di conferenze tutte sold out. La loro dottoressa è una love coach e per lei l’amore (ma anche un SMS) non ha segreti. Per questo ha istituito i giovedì di terapia di gruppo per le sue Innamorate anonime: per salvarle, per riportare la razionalità nei loro cuori infranti, per insegnare loro lo spirito di autoconservazione. Detto anche semplice buon senso. Ma è davvero possibile imparare l’amore dalle teorie? Le otto donne (più una) hanno un’intera notte davanti per scoprirlo. E per scoprire la verità su sé stesse e anche sulla dottoressa…

L’idea di una love coach mi è piaciuta sin dalle prime pagine anche se penso che ognuno di noi (mi riferisco soprattutto alle donne) abbia effettivamente bisogno più di condividere i propri dubbi che ricevere una reale risposta/soluzione.

Lo stile di questa autrice è molto accomodante, scorre veloce, infatti ho impiegato poco più di 2 ore per terminare il romanzo.

Definire questo libro “leggero” non equivale a definirlo “semplicistico” o “riduttivo” ma non stiamo ovviamente parlando di un “mattone” ottocentesco. Non è un libro che impegna molto la mente e lo definirei piacevole come lo è il tepore del sole primaverile: non ti accende ma ti da quella sensazione di calore confortevole.

Ecco, questo libro ti allieta, seppur per poche ore, facendoti sentire parte di quel gruppo di auto mutuo-aiuto, come se fossi seduta lì, in quel cerchio con il tuo universo amoroso personale, tuo e tuo soltanto ma che tanto assomiglia a quello delle donne che sono lì con te. E questo ti conforta, ti da la spinta all’apertura e all’osmosi: ciò che hai si trasmette alle altre e viceversa.

Anche il finale, la soluzione che la dottoressa trova per tutte, è così vero che non puoi non riflettere sul fatto che la vita ti impone di affrontare i tuoi problemi e di risolverli come suggerisce la dottoressa anche se è più semplice dirlo che farlo ma allo stesso tempo è un percorso obbligato e spontaneo.

Difficile parlarvene senza anticiparvi nulla, infatti se qualcuno lo ha già letto e vuole confrontarsi, come sapete sono a disposizione!

Buone lettureeeeeeeeee

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com